Calendar

Mar
30
Lun
Workshop di calotipia (fotografia su carta salata) 30 settembre a Firenze @ TheDarkroom Academy
Mar 30@10:00–17:00

La calotipia, UNO DEI PRIMISSIMI PROCESSI DI STAMPA FOTOGRAFICI INVENTATI NELL’800

CHE COS’È LA CARTA SALATA, O TALBOTIPO O CALOTIPO?

La carta salata è un processo alternativo di stampa fotografica. Appartiene a quelle che oggi sono chiamate le antiche tecniche di stampa. Fu inventata nel 19º secolo da William Henry Fox Talbot.

In questo articolo puoi scoprire come è nato il calotipo e in che cosa consista in maniera più approfondita.

ALLA SCOPERTA DELLA calotipia

Il nostro workshop ha come scopo di far conoscere al pubblico questo processo alternativo di stampa fotografica, o antica tecnica di stampa fotografica.

Fu rimpiazzata in poche decadi da altri processi più performanti, come il platino-palladio e la gelatina d’argento (che divenne poi standard industriale per addirittura un secolo) ma oggi viene riscoperto sia per la sua relativa semplicità di realizzazione, sia per la particolarità della rappresentazione dell’immagine che viene sopra le fibre del supporto di carta.

È una tecnica relativamente semplice da usare e non prevede l’uso di chimica tossica. Si può facilmente riprodurre a casa, in una camera oscura improvvisata e senza necessità di particolari attrezzature.

CHI INSEGNA IN QUESTO WORKSHOP DI CARTA SALATA?

Michele Pero è l’insegnante di questa tecnica antica di stampa fotografica. Nella sezione Mostre è pubblicato il suo progetto “The work at Lüben” realizzato su carta salata durante la Werkstattwoche Lüben 2017 in Germania.

Calotipo o carta salata
Calotipo o carta salata

PROGRAMMA DEL WORKSHOP DI CARTA SALATA, TALBOTIPIA O CALOTIPIA

Incontro con i partecipanti nel luogo di ritrovo.
Introduzione alla carta salata e dimostrazione di salatura della carta.
Sensibilizzazione di fogli di carta salata e asciugatura.
Introduzione all’uso del banco ottico per la realizzazione di lastre 4×5 o 5×7 in bianco e nero.
Uscita per fotografare in loco con la fotocamera banco ottico.
Pranzo.
Sviluppo dei negativi.
Stampe a contatto dei negativi sulle carte salate.
Sviluppo delle carte salate.
Trattamenti finali, asciugatura.
Conclusioni e saluti.

 

Iscrizione workshop Carta Salata 30 settembre Firenze
Mag
3
Dom
Workshop di calotipia (fotografia su carta salata) 30 settembre a Firenze @ TheDarkroom Academy
Mag 3@10:00–17:00

La calotipia, UNO DEI PRIMISSIMI PROCESSI DI STAMPA FOTOGRAFICI INVENTATI NELL’800

CHE COS’È LA CARTA SALATA, O TALBOTIPO O CALOTIPO?

La carta salata è un processo alternativo di stampa fotografica. Appartiene a quelle che oggi sono chiamate le antiche tecniche di stampa. Fu inventata nel 19º secolo da William Henry Fox Talbot.

In questo articolo puoi scoprire come è nato il calotipo e in che cosa consista in maniera più approfondita.

ALLA SCOPERTA DELLA calotipia

Il nostro workshop ha come scopo di far conoscere al pubblico questo processo alternativo di stampa fotografica, o antica tecnica di stampa fotografica.

Fu rimpiazzata in poche decadi da altri processi più performanti, come il platino-palladio e la gelatina d’argento (che divenne poi standard industriale per addirittura un secolo) ma oggi viene riscoperto sia per la sua relativa semplicità di realizzazione, sia per la particolarità della rappresentazione dell’immagine che viene sopra le fibre del supporto di carta.

È una tecnica relativamente semplice da usare e non prevede l’uso di chimica tossica. Si può facilmente riprodurre a casa, in una camera oscura improvvisata e senza necessità di particolari attrezzature.

CHI INSEGNA IN QUESTO WORKSHOP DI CARTA SALATA?

Michele Pero è l’insegnante di questa tecnica antica di stampa fotografica. Nella sezione Mostre è pubblicato il suo progetto “The work at Lüben” realizzato su carta salata durante la Werkstattwoche Lüben 2017 in Germania.

Calotipo o carta salata
Calotipo o carta salata

PROGRAMMA DEL WORKSHOP DI CARTA SALATA, TALBOTIPIA O CALOTIPIA

Incontro con i partecipanti nel luogo di ritrovo.
Introduzione alla carta salata e dimostrazione di salatura della carta.
Sensibilizzazione di fogli di carta salata e asciugatura.
Introduzione all’uso del banco ottico per la realizzazione di lastre 4×5 o 5×7 in bianco e nero.
Uscita per fotografare in loco con la fotocamera banco ottico.
Pranzo.
Sviluppo dei negativi.
Stampe a contatto dei negativi sulle carte salate.
Sviluppo delle carte salate.
Trattamenti finali, asciugatura.
Conclusioni e saluti.

 

Iscrizione workshop Carta Salata 30 settembre Firenze